Manifesto contro la mafia

Manifesto contro la mafia

L'esempio di Giuseppe Rechichi.

Scritto dalle ragazze e dai ragazzi della classe 3A scuola secondaria di primo grado Fra Salimbene.
Insegnante Chiara Zanetti
Educatore Andrea Corsini


GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


No alla mafia

No alla mafia

Riflessioni sulla mafia e sulla legalità degli alunni e alunne della classe 3A Scuola secondaria di primo grado Salvo D'Acquisto.
Insegnante Margherita Raciti
Educatore Andrea Corsini - GruppoScuola


GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


Noi siamo legalità

Noi siamo legalità

Riflessioni sulla mafia e sulla legalità degli alunni e delle alunne della classe 3F Scuola secondaria di primo grado Fra Salimbene.
Insegnante Chiara Zanetti
Educatore Andrea Corsini - GruppoScuola


GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


PuliAmo il parco

PuliAmo il parco

In collaborazione con l'associazione di volontariato "I monnezzari di Parma" gli studenti e le studentesse della classe 2E della scuola secondaria di primo grado Newton, si sono impegnati nella pulizia del parco "Ettore Majorana" sito in via Newton a Parma.
Un' esperienza da ripetere!
Insegnante Gabriella Bigliardi
Educatrice Morena Trivelloni - GruppoScuola


GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


Le bioplastiche e le bombe di semi salveranno il mondo!

Le bioplastiche e le bombe di semi salveranno il mondo!

Un corto avvincente ci svela la ricetta per popolare il mondo di fiori, piante e per sostituire le plastiche con le Bioplastiche.
Buona visione.
A cura della classe 2B scuola secondaria di primo grado Doncavalli.
Insegnante Francesca Dodi.
Educatrice Morena Trivelloni - GruppoScuola


GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


THIS IS MAFIA

THIS IS MAFIA

Il percorso "Concittadini con legalità" è pensato per far riflettere gli student*
sui rischi di assumere comportamenti illegali con esempi concreti...ad esempio scrivere una canzone contro la mafia.
Classi 3A e 2B scuola S. D'Acquisto
Insegnanti Raciti e Ferrarini
Educatore Andrea Corsini


GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


Hate Speech e Body Shaming

Hate Speech e Body Shaming

Gli alunni della classe II*E della scuola Frà Salimbene attraverso due cortometraggi ci aiutano a riflettere su due fenomeni al giorno d'oggi molto diffusi quanto difficili da contrastare: Hate Speech ed il Body Shaming.

Insegnante Sofia Castello

Educatrice Morena Trivelloni Gruppo Scuola


GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


Guida galattica alla Cittadinanza Digitale

Guida galattica alla Cittadinanza Digitale

Internet può essere un mondo bellissimo! A cura della classe 5B scuola primaria Racagni Insegnanti Elisabetta Giannossi e Maristella Tassi
Educatrice Morena Trivelloni GruppoScuola


GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


Il mondo è nelle nostre mani – S.O.S estinzione animali

Il mondo è nelle nostre mani – S.O.S estinzione animali

E' urgente cambiare rotta se vogliamo salvare il nostro pianeta. I bambini della classe 5A della scuola primaria Campanini ci guidano in una riflessione su come ognuno di noi possa realmente fare la differenza mettendo in piccole azioni.
Attraverso la realizzazione di segnalibri i bambini della classe 5B della scuola primaria Campanini hanno realizzato una ricerca sulle specie animali attualmente a rischio di estinzione.

Insegnanti:

5 A Genoveffa Romano, Enrica Ronchini, Elena Li Ranzi, Paola Maione, Cecilia Cavatorta, Leontina Bonori, Susanna Conni.

5 B Genoveffa Romano, Elena Li Ranzi, Enrica Ronchini, Filomena di Benedetto, Cecilia Cavatorta, Leontina Bonori

Educatrice: Morena Trivelloni GruppoScuola


GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


UNA PARTITA AL LIMITE - 2G Scuola Parmigianino

UNA PARTITA AL LIMITE

2G Scuola Parmigianino

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 2G
Scuola Parmigianino Insegnante Claudia Farolini
A cura di Yele Canali Ferrari e Riccardo Reina – Associazione Micro Macro

Il lavoro di quest’anno ha attraversato la tematica del corpo e della corporeità, concentrandosi attorno al concetto di limite e di consenso. La parola “limite” ha un’infinità di significati. Il limite può essere qualcosa che ci viene imposto dall’esterno: dalle altre persone, ma anche dalla natura delle cose. In questo senso il limite può essere qualcosa che ci opprime, che ostacola la nostra libertà. Ma può anche essere qualcosa che ci costringe a fare ciò che da soli non avremmo il coraggio o la forza di fare. Il limite, però, può anche venire dall’interno: certi limiti possono venire da noi senza che nemmeno ne siamo consapevoli; altri invece possono essere stabiliti da noi, per sancire quali siano i nostri confini, quelli che vorremmo fossero rispettati da tutti. Quest’anno abbiamo trovato molte cose strette dentro limiti che ci sono stati imposti dall’emergenza sanitaria. Volevamo giocare, ma ci siano trovati in un mondo in cui le cose non si potevano più toccare, e i giochi di prima avevamo smesso di esistere, e non si potevano più fare. Non si trovava più nemmeno una pallina da ping pong, figuriamoci una palla da basket! Ecco, ci siamo adattati. E la palla, ce la siamo figurata. Perché secondo noi ogni limite può essere uno stimolo al cambiamento, ma per trasformare la realtà bisogna allenare i corpi a immaginare l’impossibile.

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria