SIAMO SPECIALI, PER FORTUNA MAI NORMALI - 3B Scuola Campanini

SIAMO SPECIALI, PER FORTUNA MAI NORMALI

3B Scuola Campanini

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 3B Scuola Campanini
Insegnante Federica Conversi
A cura di Franca Tragni – Zonafranca

Abbiamo fatto un viaggio alla scoperta dell’essere bambin* e abbiamo scoperto che siamo speciali e mai normali! Quanta strada abbiamo fatto da quando eravamo piccoli semi nella pancia della mamma! E come diventeremo? Come saranno i nostri piedi? E le nostre mani? Chissà! Godiamoci intanto questo nostro essere bambin* , e adesso che abbiamo capito quanto è triste stare lontan* un metro, quando il mondo guarirà, ci presteremo matite e pennarelli, ci toccheremo e finalmente ci abbracceremo.

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


FAVOLA VERDE - 3B Scuola Adorni

FAVOLA VERDE

3B Scuola Adorni

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 3B – Scuola Adorni
Insegnante Antonella Valguarnera
A cura di Antonio Buccarello e Matteo Bacchini – Teatro del Tempo

Un albero fa i frutti che vuole, anche diversi se vuole. Un albero quando piove si bagna. Un albero resiste a tutto perché ha le sue radici. Un albero si muove (se ha voglia di muoversi, se no sta fermo). Un albero racconta le storie divertenti e gli altri alberi ridono anche se tutti la sanno già. Un albero delle volte è triste e nessuno sa perché. Un albero ha bisogno di cura, di sole e di un pallone. Un albero è proprio come noi.

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


I CINQUE SENSI SONO SEI - 3A Scuola Palli

I CINQUE SENSI SONO SEI

3A Scuola Palli

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 3A Scuola Palli
Insegnante Maria Frattini
A cura di Michela Ollari – Zonafranca

La trasformazione del nostro corpo durante la crescita avviene attraverso l’acquisizione di nozioni non solo intellettuali, ma esperienziali quali riconoscere i profumi, assaporare i gusti, osservare quello che ci circonda, …. E questo avviene attraverso i 5 sensi che però sappiamo non essere gli unici.
Viaggerete insieme a noi attraverso le nostre scoperte…..buon viaggio!

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


UNA PARTITA AL LIMITE - 2G Scuola Parmigianino

UNA PARTITA AL LIMITE

2G Scuola Parmigianino

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 2G
Scuola Parmigianino Insegnante Claudia Farolini
A cura di Yele Canali Ferrari e Riccardo Reina – Associazione Micro Macro

Il lavoro di quest’anno ha attraversato la tematica del corpo e della corporeità, concentrandosi attorno al concetto di limite e di consenso. La parola “limite” ha un’infinità di significati. Il limite può essere qualcosa che ci viene imposto dall’esterno: dalle altre persone, ma anche dalla natura delle cose. In questo senso il limite può essere qualcosa che ci opprime, che ostacola la nostra libertà. Ma può anche essere qualcosa che ci costringe a fare ciò che da soli non avremmo il coraggio o la forza di fare. Il limite, però, può anche venire dall’interno: certi limiti possono venire da noi senza che nemmeno ne siamo consapevoli; altri invece possono essere stabiliti da noi, per sancire quali siano i nostri confini, quelli che vorremmo fossero rispettati da tutti. Quest’anno abbiamo trovato molte cose strette dentro limiti che ci sono stati imposti dall’emergenza sanitaria. Volevamo giocare, ma ci siano trovati in un mondo in cui le cose non si potevano più toccare, e i giochi di prima avevamo smesso di esistere, e non si potevano più fare. Non si trovava più nemmeno una pallina da ping pong, figuriamoci una palla da basket! Ecco, ci siamo adattati. E la palla, ce la siamo figurata. Perché secondo noi ogni limite può essere uno stimolo al cambiamento, ma per trasformare la realtà bisogna allenare i corpi a immaginare l’impossibile.

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


ECO, COME STAI? SPERO BENE MA NON SEI IL MIO TIPO - 5B Scuola Campanini

ECO, COME STAI? SPERO BENE MA NON SEI IL MIO TIPO

5B Scuola Campanini

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 5B Scuola Campanini
Insegnanti Genoveffa Romano, Elena Li Ranzi, Enrica Ronchini, Filomena di Benedetto, Cecilia Cavatorta, Leontina Bonori
A cura di Franca Tragni – Zonafranca

Narciso ed Eco sono le due facce della stessa medaglia, un po’ come la 5A e la 5B della scuola Campanini di Baganzola, per questo abbiamo lavorato allo stesso tema! Noi di 5A ci siamo immaginat* di essere Narciso e di dare parola a Eco e noi di 5B abbiamo fatto il contrario. Risultato? Abbiamo scoperto che Narciso concentrato su sé stesso non vede chi ha di fronte, ma anche Eco non vede chi ha di fronte perché troppo concentrata sul proprio dolore, e rifiutata non ha cura di sé e diventa invisibile. Morale: non è liber* chi è schiav* del proprio corpo e della propria immagine, quindi impariamo a piacerci impariamo ad amarci!

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


IL CORPO E' LA MIA CASA - 2A Scuola Ferrari

IL CORPO E' LA MIA CASA

2A Scuola Ferrari

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 2A – Scuola Ferrari
Insegnante Manuela Senza Peluso
A cura di Adriana MilaniTeatro del Cerchio

Il video è l’elaborazione del percorso laboratoriale svoltosi pressoché in continuità. Abbiamo esplorato in un viaggio a tappe l’argomento corpo. Attraverso esercizi che riguardavano il rapporto con lo spazio, con il tempo, con l’immaginazione, da soli o a coppie, o lavorando insieme agli altri ma in una bolla. Abbiamo esplorato la fisicità della voce, i cinque sensi attraverso esercizi e giochi per sperimentarci e sperimentare l’ascolto. Abbiamo parlato, discusso e ci siamo confrontati. Un dialogo e un ascolto attivo e vigile in modo che ogni nostro incontro fosse scoperta e rivelazione, fosse una sfida anche se a volte difficile. Un momento di crescita e di riappropriazione di una vita normale fatta di fisicità e non di modalità videomediale

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


LA CITTA DEI COLORI - 4A Scuola Adorni

LA CITTA DEI COLORI

4A Scuola Adorni

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 4A Scuola Adorni
Insegnante Paola Carra
A cura di Antonio Buccarello e Matteo BacchiniTeatro del Tempo

Qualcuno ha deciso che troppi colori son troppi. Molti aspettano il bus ma alcuni preferiscono perderlo. Tutti devono avere una maschera. Meglio due. Tutti sanno fare l’ape, il pesce e il canguro. Molti anche la formica. Nessuno il tirannosauro. Tutti hanno le stesse emozioni. Nessuno ha la stessa emozione di un altro. Tutti sanno cantare e ballare, se ci provano (e ci provano!). Qualcuno ha cambiato idea.

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


LEZIONE DI SCIENZE - 5A Scuola Adorni

LEZIONE DI SCIENZE

5A Scuola Adorni

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 5A Scuola Adorni
Insegnante Mariachiara Rolli
A cura di Antonio Buccarello e Matteo BacchiniTeatro del Tempo

Mi piace l’argomento corpo umano. Mi fa schifo. È interessante. È noioso. Mi emoziona tantissimo! Mi fa impressione. Perché ci sono così tanti apparati? E così tanti nomi? Chi ha misurato i chilometri dei neuroni? Come fa il corpo a correre e digerire? Il mio corpo lo sa che esisto? Quando sento davvero di avere un corpo? E quando il mio corpo si sente davvero libero? Sul libro ci sono solo le risposte: noi abbiamo aggiunto le domande.

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


NARCISO ABBASSA LA CRESTA E STAI SCIALLO - 5A Scuola Campanini

NARCISO ABBASSA LA CRESTA E STAI SCIALLO

5A Scuola Campanini

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 5A Scuola Campanini
Insegnanti Genoveffa Romano, Enrica Ronchini, Elena Li Ranzi, Paola Maione, Cecilia Cavatorta, Leontina Bonori, Susanna Conni
A cura di Franca Tragni – Zonafranca

Narciso ed Eco sono le due facce della stessa medaglia, un po’ come la 5A e la 5B della scuola Campanini di Baganzola, per questo abbiamo lavorato allo stesso tema! Noi di 5A ci siamo immaginat* di essere Narciso e di dare parola a Eco e noi di 5B abbiamo fatto il contrario. Risultato? Abbiamo scoperto che Narciso concentrato su sé stesso non vede chi ha di fronte, ma anche Eco non vede chi ha di fronte perché troppo concentrata sul proprio dolore, e rifiutata non ha cura di sé e diventa invisibile. Morale: non è liber* chi è schiav* del proprio corpo e della propria immagine, quindi impariamo a piacerci impariamo ad amarci!

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria


IL MONDO NEL CORPO - 2A Scuola Maria Luigia

IL MONDO NEL CORPO

2A Scuola Maria Luigia

TENIAMOCI IN CON-TATTO


Classe 2A Scuola Maria Luigia
Insegnante Barbara Mondelli
A cura di Davide Doro e Claudia Nizzoli – Solares Fondazione delle Arti

C’era una volta il mondo e c’eravamo una volta noi. Il nostro Corpo/Mondo è stato parole, è stato bellezza e colore, è stato distanza, ma anche estrema vicinanza. Durante il percorso lo abbiamo: disegnato, colorato, descritto e sperimentato, lo abbiamo difeso e protetto come un uccellino nel nido, ma anche lanciato a tutta velocità verso la scoperta e l’esperienza. Corpo e Mondo si ritrovano al centro di un moto che come un vortice li unisce in un unico concetto, in un unico pensiero. Il mondo che ha costretto i nostri corpi al distanziamento, è stato invitato a giocare con noi e per noi trasformandosi in orchestra, in colore, in gesto, in espressione.

GUARDA TUTTI GLI altri video della categoria